Penso agli zigomi delle tue labbra,

maliziose fratture carsiche dove s’infoibano

lampade e lampare, mari e reti da pesca.


Mettiti tracce d’inchiostro, inusuale rossetto,

riflettendo occhi diamante sui vetri rotti della mia dannazione;

rimarrò esterrefatto davanti alla docilità

sensuale della tua anima in catene,

continuando a cantare l’oscenità della tua bellezza,

continuando a disseminare ai venti le ceneri dei miei sguardi,

rianimati dall’odore dei tuoi abbracci, ravvivati dal desiderio d’ogni minimo sfiorarti.


Penso agli zigomi delle tue labbra,

maliziose fratture carsiche dove s’occultano

lampade e lampare, mari e reti da pesca.

Questa volta, svestiti,

e, messa a nudo,

riusciremo a uscire.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Ivan Pozzoni  

Questo autore ha pubblicato 18 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.