T'avvicini e mi guardi.
Mi guardi, come mai.
Quello che provo somiglia a un fiore già morto
bagnato così all'improvviso
da una pioggia densa arrivata troppo tardi.
Una lingua di velluto che lecca membra bambine.
Da vicino quasi mi pugnali.
A breve distanza m'accorgo del tuo viso, quello di sempre.
Quel che vedo mi trapassa il sentire.
Mi incide i polsi.
Mi fai sentire una lastra sottile di ferro
piegata dal vento
così all'improvviso.
Colpo fugace e affilato
preciso e stronzo
tiepido e gelido insieme.
Vedere per la prima volta la mia faccia di fronte.
Non uno specchio.
Come se nell'aria s'aprisse un ovale sospeso
così all'improvviso
coi tuoi tratti.
Come guardarti negli occhi da solo
come incontrarti di scatto
trovarti davanti,
così per caso. Per sbaglio.
Non un passante.
Ti volti e succede, quegl'occhi di fronte
che ti guardano.
Questo è successo.
Mi giro e ti vedo col mio viso,
quello che nascondo nei capelli.
Per la prima volta ti sento mia madre
quasi posso immaginarmi nel ventre
quasi ti vedo cullarmi
tu a contenermi
quasi vorrei tornare lì dentro.
Posso immaginarti con le mani sul grembo
quasi sento quel tatto dolcissimo.
Ti avrei ancora così.
La mamma gravida del figlio.
Siamo due tombe.
Sembriamo due estranei.
Due passanti che si somigliano in viso.
Vorrei m'inghiottissi adesso.
Madre, perchè non vuoi amarmi?
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Syrio  

Questo autore ha pubblicato 24 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Vera Lezzi
+2 # Vera Lezzi 14-03-2016 16:03
All'inizio, ho pensato, con pena certo, ma purtroppo con un sentimento che è frequente, ad uno degli altrettanto frequenti amori infelici, sbagliati...
Alla fine, di colpo...mi sono sentita morire...
E mi sono augurata che davvero fosse solo, per te, una "sperimentazion e poetica"
Hera
+2 # Hera 14-03-2016 16:41
Commovente... bellissimo urlo poetico di un figlio che chiede la cosa più immediata e più naturale che ci possa essere al mondo?
Mi chiedo come può una madre ,non amare il proprio figlio?....quan to bisogno damore sprigiona da questi tuoi versi SYrio! Spero che questa preghiera sia ascoltata..... Bravissimo comunque....... ......e un caro saluto......... .HERA
Rocco Michele LETTINI
+1 # Rocco Michele LETTINI 14-03-2016 17:52
IL VERSO DI CHIUSA PARLA CORRETTAMENTE.. . LECITI LAMENTO UN PROFONDI VERSI. LIETA SERATA.
simone corrieri
+2 # simone corrieri 14-03-2016 22:50
Una richiesta di attenzione e calore , forte e diretta , cruda .
Piaciuta .
sasha
+2 # sasha 19-03-2016 19:13
Syrio è la stella più brillante del cielo notturno e in una notte limpida, senza Luna e possibilmente senza i pianeti più luminosi, è in grado di proiettare a terra una leggerissima ombra degli oggetti..
Il tuo nome d'arte servirà a darti, in qualsiasi occasione e passo della vita, la forza di cui hai bisogno e chi ti sta vicino sarà illuminato da te.
Io non so se questa poesia sia autobiografica e se così fosse.. ti dico.. FORZA! SEI UN GRANDE!

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.