La mente mia cià na vita parallela

una nisconne una rivela,

una svela una cela,
 

come si ciavessi drento na ragnatela,

me movo sempre co’ cautela

pe’ nun restà intrappolato a sta sequela

 

de immaggini, impressioni, penzieri

drento me troppi passeggeri,

tanti profani, artri menzogneri,

 

tanti veri, artri menzogneri,

tanti libberi, artri prigionieri

tanti pacifici, artri guerieri

 

ognuno cià li sentieri sua

io me meravijo come sta mente mia

co’ tanti sé fa na persona:

pe’ questo de li pazzi porto la corona.
 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: paolo di cristofaro  

Questo autore ha pubblicato 261 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Si tu me chiedessi cos'è 'r paradiso
nun llo sò ma pe mme è 'n gran soriso,
na gioja ch'ariva senza preavviso,
è là 'ndo gnente è nojoso,
tutto è svejo ma è più dorce der riposo,
è 'n poraccio cor soriso radioso,
na bianca sposa ch'aritrova lo sposo.
E de na cosa sò certo
è come 'n gran concerto,
ogni anima na nota
tutte stanno 'n arta quota,
è na gran danza na gran rota,
nun c'è pià la tua la mia,
solo n'infinita euforia,
tutte sò na sola sinfonia.
Ognuno qua è spettatore,
ognuno fa da esecutore,
è' 'r capolavoro der gran direttore.
 
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: paolo di cristofaro  

Questo autore ha pubblicato 261 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Si fossi n'ucello sa 'ndo volerei?
Indietro a ripijà tutti l'anni mia
cacherei 'n testa a quella spia,
poi co' abbile manovra virerei
portanno 'n saluto all'arabbi e all'ebbrei,
volerei a capo de tutti 'i cortei,
sur cranio de l'infami beccherei,
volerei felice su la montagna,
asciugherei le lecrime de che se lagna,
a li bastardi starei sempre a le carcagna,
cercanno de nun cadè ne la fogna.
Riscenne a tera è 'na bella rogna
ma quest'è 'r rischio de chi sogna.
 
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: paolo di cristofaro  

Questo autore ha pubblicato 261 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Prima de la fine
stavamo tutti sur confine
chi a cortivà piantine
chi a combatte co le medicine
chi a cercà le veline
chi a svotà le vetrine
chi a rubbà le galline
chi nun conosceva le tabbelline
chi smorzava le candeline
che te faceva le moine
chi dormiva su le panchine
chi s'allisciava le ballerine
chi se tojeva le spine
chi scappava su le colline;
tutto sto casino de gente
che s'aggitava pe gnente
su 'sta sfera ardente
che girava coerente;
io annavo controcorente
come er barcarolo d'antica memoria
e qua finisce la storia
semo tutti iti in gloria
su li campi celesti,si,
tutti a fa cicoria.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: paolo di cristofaro  

Questo autore ha pubblicato 261 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Tante vorte a forza de penzà
nun sai mai da do comincià,
poi inizià da l'amore
ma così te viè er tremore,
s'incominci da le stelle
'ndo le trovi rime pe loro belle,
nun te dico si inizi dar cielo
davanti l'occhi te s'abbassa 'n velo,
te poi buttà su la politica
qua la rima se fa critica,
parti pure co l'animali
ma t'escheno parole bestiali.
La poesia 'ndo cominci cominci
pija sempre sentieri sguinci
tu parto cor sentimento
e t'aritrovi presto sgomento;
senti, damme retta,
posa 'a penna, nun avè fretta
si la rima te se blocca su le dita
la poesia più bella
te la scriverà la vita.
 
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: paolo di cristofaro  

Questo autore ha pubblicato 261 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Fora imperversa la bufera
tira 'n'ariaccia cattiva
questa pò esse 'na sera
de quarche era primitiva.
'ndo tutto annava a la deriva,
qua er foco brucia da paura
questa è la cura più sicura
pe' vince 'sta notte dura.
Li ricordi torneno a l'albori
quanno girevamo tutti cacciatori,
tra mammutte e rettili giganti,
aivoja a pregà madonne e santi,
nun esisteva gnente allora,
tutto se n'annava a la malora.
Fù pe caso che no scimmione estroverso
cominciò a farfujà quarche verso,
erano sono duri e biechi
ma così na sfirza de colleghi
je s'accodò appresso pe la via,
allora tra 'n gruggnito e n'acrobazzia
sti parenti nostri inventarono la poesia
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: paolo di cristofaro  

Questo autore ha pubblicato 261 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Vidu la nivi chi cadi lenta,
 ‘mmuccia casi, strati  e  vaneddi, 
ma nun ‘bbianca supra li pinzeri
di la genti.
Vidu l’arburi  di li fogghi  spugghiati ,
 iò tremu  ‘nta lu friddu su’ jittati.
Vidu li cimi di li muntagni,
testi  bianchi di vecchi ,
 penzu a lu focu chi spissu li ardi.
Vidu tantu e forsi troppu, l’acqua chi
scurri ‘nto lettu di lacrimi,
 avvilinata di troppu culura.
Vidu  omini campari a la
vintura, mi dumannu e forsi
sbagghiu:  Ma chista eni la vita?
Ahimè , vidu cu pena ma nun pozzu
 parlari, nun àiu chi fari!
 
Rita Vieni
 
QUESTA E’ LA VITA?
 
Vedo neve che scende lenta
imbianca case, strade, viuzze,
ma non purifica , della gente,
i pensieri.
Vedo alberi nudi, le foglie
in pasto alla terra, a marcire.
Vedo le montagne, dalle cime
imbiancate, simili a vecchi stanchi,
troppe volte arse in roghi estivi.
Vedo forse troppo, le acque dei fiumi
 avvelenate da sostanze nocive.
Vedo uomini allo sbando, mi domando:
E’ questa la vita?
Ahimè vedo con pena ,
ormai tace la mia coscienza,
zittita dall’impotenza.
 

 
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Rita Vieni  

Questo autore ha pubblicato 17 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
TERRA MIA
 
Stasira penzu a la terra mia,
lu sangu  mi scurri ‘nte vini,
‘na vuci chi si ‘ssumigghia,
a li tanti  di cuscinziusi,
genti, brama.
Sugnu ‘na figghia di ‘sta terra
biniditta,lu me cori vidi
 quantu è afflitta.
E’ terra di dulura  e tristizza,
 marturiata e arruvintata.
E’ terra ‘rrumiscata  chi tanti
mani cercunu d’arraffari
e ruvinari.
 Oh  amara sorti!
 Spiranza pi tia cercu povira
 terra mia, matri di me matri!
 
Rita Vieni
 
LA MIA TERRA
 
Questa sera sei nei miei pensieri,
il sangue scorre velocemente,
la voce accomunata alle tante
che si alzano indignate.
Sono figlia di questa terra
benedetta, che è afflitta.
E’ terra di dolore e tristezza,
martoriata e infuocata.
E’ terra dove i tanti cercano
di arraffare e rovinare.
Oh che amaro destino!
Ricerco la speranza terra mia
Tu Madre che generi.
 
Rita Vieni



 
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Rita Vieni  

Questo autore ha pubblicato 17 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
C’ ‘a luci da matina, m’arruspigghiu,
chi ciauru di vita mi ‘ghiuttu!
Abbrazzu lu so ciautu ,mi sciuscia
supra lu coddu.
Tanti surrizza di friddu m’ acchianunu!
Mi piaci biviri a la funti d’ amuri, 
p’ ‘a manu mi porta senza parlari 
o taliari.
Mi teni ‘nto so guantu di villutu,
nudda strata viu senza cunsensu,
nun àiu vuci, sulu assensu.



RISVEGLIO

Apro gli occhi e respiro vita! 
Sulla pelle l’alito,il profumo.
Brividi m’assalgono. 
Godo, bevo, disseto dal calice.
In balia d’amore, presa per mano,
cammino, mi guida.
Non mi oppongo.
Nessuna scelta.



 
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Rita Vieni  

Questo autore ha pubblicato 17 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
 
Io so’ così,
so’ un politico.
Qualunque cosa faccio
il mio volto è granitico.
Qualunque sia la truffa
m'è sempre condonata,
oppure è colpa d’altri,
la cosa è risaputa.
In fondo nuotiamo tutti,
perciò so bravo a galleggià:
io nell’oro
e il popolo na’ povertà.
Magari co’ sta faccia de bronzo
è più facile resta' a galla,
proprio come ‘no stronzo,
ma coll’eleganza de ‘na farfalla.
 
Ho rubato?
Embè? Ch’è reato?
Agevolato?
Si, ma tutto legale.
Io favorito?
A mia insaputa.
 
Ormai lo so,
basta ‘na promessa
e tutti subito se scordeno,
pure se è sempre ‘a stessa.
In fondo so un benefattore.
Io ve regalo sogni,
ringraziateme, mica so’ pagato
pe’ soddisfà i vostri bisogni.
Così ar popolo lo dico,
candidamente, senza vergogna:
scusate, so’ un politico,
non merito la gogna.
Anzi, vostro onore, lo confesso:
qui se magna bene.
E che so’ fesso?
Me ricandido.
 
 
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Renato Dentice d'Accadia  

Questo autore ha pubblicato 83 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.


Oh sciura!
Quanti an so passà
tanti che nianca
te se regordet.
Cinquant'an d'amour
e de sufferenza
poi un bel dè
lù te diseva
che il se sentia
mia tan bè
ghe girava la crapa
el stava mia in pè.
Cinquant'an d'amour
jè nà a fas benedè
in dun de
e te se restada 
de per te
ma te se regordet semper
de che l'omm
che ogni sira el rivava 
col surris in bucca
e te diseva
"oh sciura!
Te me det semper
la solita minestra".....
Ma la minestra l'era buna
la magnava duma lù
e adéss che chel'omm
el ghe pieù
ghe ne minga per nesseun.....
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: RAFFAELLO CONCA  

Questo autore ha pubblicato 696 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
È amaru u to chioviri
quannu u ventu m’accarizza
e cu l’occhi ranni
mi talii in funnu  all’anima
lassannumi nu surrisu
caricu d’amuri
Duci è u to turmentu
 quannu trasu nu to sciatu
cunfunnennu carni e pinzieri
e intra na nira  notti mi perdu
comu na nica scintilla
ca mori no ventu.
 
 
Pianto amaro
 
È amaro il tuo piovere
quando il vento mi accarezza
e con gli occhi grandi
mi guardi in fondo all’anima
lasciandomi un sorriso
carico d’amore.
dolce è il tuo tormento
quando entro nel tuo respiro
confondendo carne e pensieri
e dentro una notte nera mi perdo
come una piccola scintilla
che muore nel vento.
 
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: CALOGERO PETTINEO  

Questo autore ha pubblicato 329 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Me voglio fa na casa
miezo a lu ciardine tuojo
e po laggià arredà
cu rose prufumate
e pe camino tengo
sulamente a te
pe me scarfà 
ce starraje tu
cu li carezze
toje
ammore mio
sarraje tu a regina
de sta casa
assieme a te
viaggio che penziere
e o' core mio
sarrà a casa toja.
O' saje che si p'me
si nu profumo 
e rose fresche,
n'addore 
e primmavera
nu culore 
blù marine
e na ventata 
e giuventù
chest si tu.
E mentre suonne
te guardo
sonn't a me
songo io 
l'ommo ca fa p'te.

Copyright @Giuseppe Buro
6 set 2012
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: giuseppe@buro  

Questo autore ha pubblicato 67 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
A iò un gran turment in te cor;
a sint che sol la poesia lam po’ dé  una men.
Ma…….. in du clè andeta?
…… Ad un trat un sgnor  e ven da me e dis:
“ in t’ioc d’un babin che rid cu la su mama;
in te cor d’un amig che ut slonga al su brazi;
int l’anim di zùvan che  i lota prun ideèl;
in tlà difficultà d’un diversamènt àbil
in du cus possa avdei l’imperfezion  d’linfinì;
in tlà sapienza di vèc: pilaster ad sagezza;
in tlà sufarèza umèna
perché la fa sugnì un mond migliòr.
Te da andè par sta strèda ragàz
acsè  putrè truvè ancora tot quel
Che te smarì una volta.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanni Ciani  

Questo autore ha pubblicato 45 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Amuninni
unna u mari chianu
suscia paroli duci
intra u cori
unna
u scantu si perdi
intra u sciavuru di cevusi chianchi.
Amuninni
abbrazzati sutta a luna
e spittannu co suli
ngagni a to billizza
t’annacu e t’accarizzu.
 
 
 
Andiamo
dove il mare piano
soffia parole dolci
dentro il cuore
dove
la paura si perde
dentro il profumo di gelsi bianchi.
Andiamo
abbracciati sotto la luna
e aspettando che il sole
afferri la tua bellezza
ti cullo e ti accarezzo.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: CALOGERO PETTINEO  

Questo autore ha pubblicato 329 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.