Se va annante a bbotta 'e stiente,
quanta sfuorze s'ha nna fa'.
Ogni gghiuorno astrigne 'e diente:
ma che nne parlammo a ffa'.
Quacche ddenaro 'int'ê ssacche...
nun abbasta, è ttroppo poco:
se fa sempe cchiù ffatica
a mmettere 'a tiana ncopp'ô ffuoco.
Comm'a mmo, pure tiempo fa,
'a ggenta povera nce steva;
però era aiutata, cunfurtata:
pure cu ppoco nce 'a faceva!
Ma chille erano ati tiempe,
tiempe 'e tantu tiempo fa...
ma mme pare ca 'sta canzona,
ll'avimmo sentuta ggià.
Chi 'a vo cotta, chi 'a vo cruda,
chi abbruscata e cchi al dente.
E ttu hê 'a fa' ciento spartenze,
pure si nun tiene niente.
Tutte correno, vanno 'e pressa.
tutte ncerca 'e na fatica:
è nu viavaje 'e crestiane,
dint'ê strate, mmiez'ê viche.
Se nne parla sempe assaje,
d' 'a civiltà, de 'o progresso,
ma sulo poche s'arricchisceno:
'e povere so' ssempe 'e stesse.
Curre, fuje, faje chesto e cchello,
nun 'o perdere chistu treno
e ttu curre e mmagne povere,
annante e arreto comm'ô scemo.
Sparte 'e ssciuscelle ca te danno,
cu cchellu ppoco 'e penzione:
chesto a tte, chello a chill'ato,
chiste so' 'e sorde pe 'o pesone.
Ccà nce sta quacche denaro,
pe 'a vesta nova 'e Nanninella.
Chiste so' p' 'e llente 'e mammà,
chest'ato p' 'a scola d' 'a nennella.
Chesto a cchillo, chesto a tte,
nun rummane niente a mme.
Faccio 'e cunte e nun me trovo,
vaco assummanno e ddividenno:
chesto a isso, chesto a essa
e a mme nun rummane niente.
Ogni gghiuorno se fa 'a guerra
senz'arme e mmunizione:
'a currea s'è ccunzummata,
a bbotta 'e astregnere 'o cazone.
"Capo masto ch'aggi' 'a fa'.
Qualunque cosa stongo ccà."
"'O ssapite, nce sta 'a crisi,
'a fatica...nun ce ne sta."
'A risposta è ssempe 'a stessa,
sempe e ssulo chella llà.
Se va ncerca 'e nu lavoro,
e ppe ttramento ca t'affunne,
senza manco 'o salvaggente,
te nne vaje a ll'atu munno.
Chesto a cchillo, chesto a tte,
nun rummane niente a mme?
Spisso chiagno, ê vvote rido,
quacche vvota m'allamento,
ma po', comme spisso succede,
vaco annante a bbotta 'e stiente.
Faccio 'e cunte e nun me trovo,
ma campo sempe onestamente;
e ppo' 'a vita è ttroppa bbella,
pure si nun sempe è ddivertente.
Però cammino cu 'a capa aizata,
senza scuorno, mmiez'â ggente.
Ntanto faccio quacche ssuonno,
m'accuntento e ppe ttramento,
cammino cu 'e scarpe cunzummate,
cu ddint'ê ssacche...poco 'e nniente.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 177 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Tonino Fadda
# Tonino Fadda 02-05-2022 15:14
Grazie infinite della meraviglia che condividi con noi Tonino

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.