Ll’uocchie tuoje comme ‘o mare
fann sbattere stu core mije
cchiù forte ‘e ll’onne.

St’uocchie ca tiene
lucente ccchiù de stelle
só’ comm’a duje suspire…
ogne suspire coce,
ma cu nu ffuoco doce.

Sta voce, ‘a mije,
t’ha fatte ‘mbriacà
e mmiezo a st’aria mbarzamata
pure ‘a luna amme fatte annammurà.

Stienne sti bbracce,
nun riesce a aspettà
me vuò' sempe abbraccià...
me vuò sempe vasà.

Je senz ‘e te
tu senz ‘e me
nun putimme sta’
e core a core,
facimmo 'ammore.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Veronica Bruno  

Questo autore ha pubblicato 259 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.